.
Annunci online

IlParoliere
"NOI VI DIAMO LA PAROLA, VOI CI RACCONTATE IL MONDO".


Diario


31 agosto 2011

Il governo di Silvio Gekko

Noi dobbiamo pensare prima di tutto alla finanza, ai conti…La manovra è stata apprezzata dall’Europa ed anche dalla Borsa che ha reagito bene”. È una frase di Castelli, ma non è difficile ritrovare lo stesso concetto nelle dichiarazioni al telefono di Berlusconi (che ha troppa paura di andare in tv meno sorridente ed ottimista a dire in faccia agliitaliani come stanno le cose). Frasi degne di Gordon Gekko. L’Europa non ècontenta della manovra, semplicemente preferisce fidarsi, basandosi soprattuttosul saccheggio delle pensioni e sui futuri tagli ai costi della politica. Se fra un anno o ancora meno, non ci sarà nulla di tutto ciò, l’Italia sarà alle prese con una nuova tragicomica estate come questa, forse con un governodiverso. La Borsa è contenta. La Borsa non è fatta, come si pensa, darisparmiatori, consumatori, ma da imprenditori, broker e politici, ovvero genteche gestisce soldi altrui come se fossero propri e che quando perde deve trovare qualcuno a cui togliere e quando vince torna a giocare una parte che non ha messo nel cassetto. A pochi di questi importano cinque anni diuniversità, un anno con un capitano stronzo che ti fa lavare i cessi (magari dalaureato). Adesso il governo si sta già pentendo e vuole salvare i diritti acquisiti ma la coperta è sempre corta e una cosa è togliere a tutti adesso, altra togliere per il futuro. L’errore di spostare i soldi per non scontentare elettorato proprio ed alta finanza è un gioco che si può permettere chi ha molti soldi e chi ha tempo da perdere, cose che l’Italia non ha più. Ora si parla di “fiducia” o di modifiche, ma è il preludio a nuovi aumenti, che sia l’IVA, che sia l’ICI o più semplicemente un condono e ci sarebbe da ridere nel vedereuna pubblicità che chiama parassita in tv colui che pagherà un ennesimo 5% per riportare i soldi a casa e tornare a saldare i conti. Insomma fatta la manovra stile Wall Street ora bisogna fermare i vari Bud Fox della Lega, quei rampanti ribelli di governo che pensano ai loro voti ma anche ai loro affari (le pensioni sono un cavallo di battaglia leghista e nonostante tutto in Veneto e Piemonte riguardano molte persone e le cooperative non sono solo un'invenzione rossa...). Gordon Gekko di questo governo nonsapeva nulla quando disse che “Ildenaro c'è ma non si vede: qualcuno vince, qualcuno perde. Il denaro di per sénon si crea né si distrugge. Semplicemente si trasferisce da una intuizione adun'altra, magicamente”…Che nonsia lui il vero premier? 


13 luglio 2011

La palla al piede

La fretta fece i figli ciechi ed è anche il caso di questa manovrina. Basta unicamente per rassicurare in modo temporaneo la grande finanza europea ed italiana e dare sollievo a Borsa, banche e titoli di stato. In questa manovra c’è invece un “rinvio dei problemi” a data da destinarsi e ciò significa che tra qualche mese ci ritroveremo di nuovo nelle medesime condizioni, con un governo che tira a campare e che tornerà alle priorità di sempre ovvero la giustizia a misura di indagato o condannato e varie riforme di natura economica comunque penalizzanti verso i cittadini, dalle università alle pensioni. E questo purtroppo non lo ha sottolineato neppure l’opposizione che oggi si tura il naso e da il via libera ad un testo di cui non condivide nulla, se non l’urgenza e l’invito del Capo dello Stato. Mai scelta fu più incoerente. Non si esce insieme ad una persona rimanendo con il broncio e magari litigando a fine serata solo perché lo ha detto papà! E non si può continuare a prendere decisioni sulla pelle dei cittadini solo per accontentare l’economia volatile e teorica, quella che, per intenderci, ha portato a questa crisi epocale. Nessun taglio alle spese serie e pazze della politica, nessun taglio ai redditi alti e dormienti, nessuna scelta coraggiosa su produttività, pensioni, enti inutili, nessun programma preciso di liberalizzazioni. L’immagine di quest’Italia d’estate è fatta di strade vuote e spiagge altrettanto vuote e di un Ministro dell’Economia che torna da Bruxelles con un compito imposto dall’esterno ma senza più la fiducia della sua squadra come una palla al piede. Tutti a casa, tutti fermi, tutti in silenzio, compreso un governo che è ben consapevole di essere alla fine di un ciclo ed in cui poco contare giocare al risiko su chi resta e chi va. Le elezioni anticipate (che pure non sono la soluzione) restano all’orizzonte.


29 giugno 2011

Sorridete...i tagli sopra sono per voi!

La manovra “quasi greca” è fatta e porta la firma di un ministro che nella sua immensa vanità pensa di essere il salvatore dei conti pubblici con le tasche degli altri e quindi persegue nella sua politica di tagli senza compensazione né sviluppo e di una casta che dal nord al sud è così visceralmente attaccata ai suoi privilegi da ricordare i monarchi francesi nei loro palazzi tra abiti, brioches e gioielli mentre la gente assaltava i forni e fuori c’era la rivoluzione. Ecco i tratti salienti: reinserimento del ticket che, per chi già lo paga per enormi ed inspiegabili scoperti regionali, vuol dire un raddoppio di tassa; blocco del turn-over con congelamento di stipendio nel pubblico impiego, una cosa un po’ strana per chi si vanta di innovazione, informatizzazione ed eliminazione di clientele nel settore della pubblica amministrazione. Quanto alle pensioni, nessuna grande rivoluzione in breve termine: ci sarà tempo per dare la colpa a chi verrà. Sembra già una manovra di "dimissioni". Di cose serie, poche o nessuna: nessuna tassazione agli yacht che battono bandiera panamense in Sardegna, nessuna abolizione di Province edaltri enti inutili...E poi c’è la cosa più ridicola: lo spalmo della riforma in tanti anni, giusto per salvare capra, anzi capre e cavoli, da un lato l’Europa con cui viene preso comunque un impegno e dall’altra il carrozzone delle capre di regime, con i loro numerosissimi benefits. Oggi Gramellini sulla Stampa cita Rotondi che avrebbe detto:”Teniamoci buoni i mille parlamentari, non possiamo dargli l’aumento (ancora!!) ma almeno tuteliamoli, non rompiamogli le palle”…Ecco appunto non rompiamogli solo quelle, voleva dire…

sfoglia     luglio        settembre
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
Rassegna Stampa
La lanterna accesa
Deraglio!
Il Navigatore Solitario
Libera opinione
Pensieri nel web
Parole a colori
Letter from U.S.A.
CineAngel

VAI A VEDERE

Il Grande Sud
Frangi...e le sue vignette
Italians
Legno Storto
L'Occidentale
Lettera22
Il Pungolo
Capperi!
Pier Luigi Baglioni
Oscar Bartoli's Blog
Notizie da Caracas
Notizie da New York
Germany News
Dino Biondi
Il Cannocchiale
Popoli Nuovi
Terrabuio
Il Barbiere della Sera
Indonapoletano's weblog
Indika, Blog di informazione sull'Asia
News italia press
Cecenia Sos
Tocqueville
Camera dei deputati
Senato della Repubblica
Governo
Radio Onda d'Urto
Informazione corretta
Peace Reporter
Corriere della Sera
La Stampa
La Repubblica
Il Giornale
Il Messaggero
Il Mattino
Il Sole 24 ore
La Gazzetta del Mezzogiornio
L'Unità
New York Times
The Times
Washington Post
The Guardian
Nonsoloblog
Limes
Sito di Gioacchino Basile
Viabilità stradale ed autostradale


 

Il Paroliere

NOI VI DIAMO VOCE...

...VOI CI RACCONTATE IL MONDO

 

  

Il Grande Sud

http://angelodaddesio.nova100.ilsole24ore.com/

Il Nuovo Blog su innovazione, web, creatività
 
e novità dal continente sudamericano.
 
 
QUESTA SETTIMANA:
 
* LA SETTIMANA DEI NOBEL. TUTTI I NOMI LATINI E NON DEI FAVORITI     AL RICONOSCIMENTO PER LA LETTERATURA E LA PACE
* ARGENTINA SEMPRE PIU' LEADER DEL VIRTUALE, ENTRA NEL GRANDE MERCATO DEI VIDEOGIOCHI E DELL'INTERATTIVITA' 
 
ARCHIVIO
 
L'ITALIA COME L'ARGENTINA DEL 2001?
 
DIBATTITO SULLA CRISI FINANZIARIA ITALIANA
 
 
LA RIVOLUZIONE DEI GIOVANI CILENI: UN ESEMPIO PER L'ITALIA
 
NE PARLIAMO CON LA GIORNALISTA ITALIANA PATRICIA MAYORGA
 
 
 
 
 
 
 

LA VIGNETTA DI FRANGI (Ettore Frangipane)

 


di Ettore Frangipane (www.frangipane.it) 

  

  

 

 

LA LANTERNA ACCESA (se sorge il sole, c'è ancora qualcosa da dire)

per questo ogni mattina ci siamo anche noi.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  
 

 

I MIEI CONTRIBUTI SONO SU

NOVA

http://www.nova100.ilsole24ore.com

 

Home

 

http://www.terranews.it 

 

Home

 

http://www.linkiesta.it/blogs/nuovo-mondo

 

www.legnostorto.com

 

www.tocqueville.it

 

 

 

Il Paroliere è un amico di Korogocho



COME AIUTARE CONCRETAMENTE KOROGOCHO?

· Partecipando attivamente agli eventi organizzati

 

· Condividendo te stesso, scambiando le tue opinioni e il tuo mondo con la gente di Korogocho

· Offrendo formazione e seminari a studenti e insegnanti della nostra Scuola Informale

· Aiutando a progettare dibattiti sull'educazione civica e i problemi delle comunità

· Sostenendo lo Ndoto Arts Group commisssionandogli la creazione di posters e di opere di srte di strada e progettando workshop che accrescano i loro mezzi artistici le lor capacità e loro abilità.

· Sostenendo la Cooperativa di donne "Bega Kwa Bega" aiutandole ad accrescere i loro modelli stilistici, le capacità commerciali e la rete di marketing.

· Portando nuove idee/progetti comunitariattraverso il teatro, gli sport e le arti, che aiutino i bambini di strada e i tossico-diendenti a ritrovare la peopria voce e aumentare la loro fiducia.

· Aiutandoci nella copertura e nell'ampliamento del nostro anfitetro, in modo che gli artisti e il pubblico possano recitare e sedersi comodamente.

· Rifornendo la nostra biblioteca con nuovi validi libri e video.

· Invitando i nostri artisti a partecipare ad eventi che possano aprirgli nuove possibilità.

· Parlando e scrivendo di Korogocho

· Mantenendo i contatti

· Tornando a trovarci .

· Utilizzando questo conto corrente bancario per un vostro contributo:

Banca Popolare Etica
ABI 05018 - CAB 12100 - c/c n. 100794
Intestato a Missionari Comboniani
IBAN IT51T0501812100000000100794

Non scordate di indicare la causale della vostra donazione.


Altre informazioni su www.korogocho.org 

 

CERCA