Blog: http://IlParoliere.ilcannocchiale.it

Il paese bloccato e l'errore della Marcegaglia

Facciamola finita! Andiamo a votare e subito, anche con questa legge, perché con le forze politiche in Parlamento sarebbe impossibile approvarne un’altra che sia coerente e buona per tutti. Quanto ancora dovrà durare questa falsa commedia degli equivoci, questa farsa in cui un premier è costretto prima a fingere di voler rifiutare uno scudo protettivo per i processi per poi affermare due giorni dopo, che è costretto a chiederlo per colpa della magistratura eversiva (come se la magistratura fosse cambiata in un solo giorno) e dove l’opposizione accusa il governo di non affrontare temi come il lavoro, lo sviluppo produttivo ma fa altrettanto a meno di parlarne e fare proposte per non trovarsi nell’imbarazzo di dover accusare o giustificare la Fiom o di dover appoggiare o rifiutare gli enormi sprechi delle università e quindi dividersi. Così l’Italia è sospesa fra un partito locale e populista che tiene sotto scacco un paese intero, cavalcando latente xenofobia e falsi miti federalisti ed il grande partito della vacua rivoluzione, da Beppe Grillo e Vendola fino a Di Pietro che ormai tacciato di giustizialismo (un altro reato politico esistente solo in Italia) è condannato al 7% fisso.

Sbaglia la Marcegaglia ad allontanare ipotesi elettorali, prestando il fianco agli speculatori italiani e stranieri sull’economia debole (banche e fondazioni, vedi il caso Profumo), a chi sputa nel piatto in cui mangia (Marchionne), a chi aggredisce, stanco di questa eterna sospensione e soprattutto ha chi ormai ha una sola priorità da risolvere: lo scudo giudiziario e basta. In un altro paese con un parlamento bloccato ed in tale crisi sociale, si andrebbe alle urne, qui dobbiamo solo sperare che la Corte Costituzionale dichiari infondata la questione di legittimità sul “legittimo” impediemento. Così almeno avremo un premier contento a cui, forse, tornerà la voglia di lavorare.

Pubblicato il 27/10/2010 alle 9.46 nella rubrica La lanterna accesa.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web