Blog: http://IlParoliere.ilcannocchiale.it

Il paese di merda...quello che non ti ha cacciato

Ormai anche i quotidiani all’estero lo ignorano. Sfogliandosul web qua e là dal Le Monde ad El Pais fino al Financial Times non c’ètraccia, se non in qualche quotidiano italiano, dell’ennesimo scatto di iramista a repressione del premier italiano. Gli altri hanno cose ben piùimportanti a cui pensare che sentire le farneticanti dichiarazioni di unpresidente senza consiglio e senza governo che butta giù proposte economichesenza criterio e senza conoscere neppure quale appoggio potranno avere (ormai l’Europasta invitando in fretta e furia Tremonti a prendere in mano la situazione e senecessario a costringere con la Lega, Silvio Berlusconi alle dimissioni) e chenel pieno dell’impotenza accusa gli altri, che siano opposizione, magistrati,giornalisti di ciò che è ben noto ed indifendibile ovvero la sua posizione diricattato, imbarazzante per un paese intero. Ma c’è una frase che fa rabbia piùdi tutto, quella in cui afferma di “voler andare via da questo paese di merda”.Ebbene è proprio un paese di merda quello che in questi anni ed in questi mesiha atteso ed attende che sia lui a fare il primo passo, che mai farà, perandarsene, e che non è ancora sceso in piazza, ancora gonfio di paure eprivilegi, per mandare in archivio questa deplorevole stagione politica equesto imperatore declinante. 

Link: 

http://inchieste.repubblica.it/it/repubblica/rep-it/2011/09/01/news/vado_via_da_questo_paese_di_merda_lo_sfogo_di_berlusconi_con_lavitola-21119423/?ref=HRER3-1

http://www.tgcom.mediaset.it/politica/articoli/1020154/manovra-il-premier-assicurapareggio-nel-2013.shtml

Pubblicato il 2/9/2011 alle 0.46 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web